Harry Potter e il prigioniero di Azkaban – J.K. Rowling

Dopo La pietra filosofale e La camera dei segreti mi sono riletta anche la terza puntata della saga di Harry Potter: Il prigioniero di Azkaban.

il prigioniero di Azkaban

Anche stavolta troviamo Harry a casa dagli zii per le vacanze estive, da cui però poco dopo scappa ormai stufo di doverli sopportare (e dopo aver gonfiato come un pallone la sorella dello zio).

Grazie al Nottetempo arriva a Diagon Alley dove si incontrerà poi con Ron ed Hermione per gli ultimi acquisti prima della partenza per Hogwarts. Intanto verrà messo al corrente delle ultime notizie del mondo dei maghi: un pericoloso criminale è evaso da Azkaban, la prigione dei maghi. Ascoltando una conversazione tra i Weasley (la solita mania di origliare), scoprirà che forse è in cerca proprio di lui.

Conosciamo poi nel treno i Dissennatori (Dementors in inglese che mi piace di più), le guardie della prigione di Azkaban che hanno un effetto sconvolgente su Harry.

Inizia così anche il terzo anno ad Hogwarts, con nuove lezioni da seguire (Divinazione inizia a sembrare una cosa assurda) e un nuovo torneo di Quidditch. Ovviamente Harry e i suoi amici troveranno il modo di mettersi nei guai come al solito, grazie anche ad un oggetto molto utile regalato da Fred e George Weasley.

Devo dire che per qualche motivo ho fatto molta fatica a leggere Harry Potter e il prigioniero di Azkaban rispetto ai due precedenti. Non so esattamente perché, ma subito dopo è iniziato un periodo di poca voglia di leggere in generale, quindi penso che il problema non sia il libro.

lo consiglio?

Non c’è due senza tre, quindi dopo i primi due libri il terzo va letto per forza. Prossimamente mi metterò con il quarto.

  • Edizione: Bloomsbury, 1999
  • Titolo originale: Harry Potter and the Prisoner of Azkaban
  • Prima pubblicazione: 1999
  • Pagine: 317
  • ISBN: 9780747545118
/ 5
Grazie per aver votato!
Loading spinner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.