La torre del tempo – Sergej Luk’janenko

Cosa fai se una sera torni a casa e il tuo appartamento non è più tuo? E nessuno si ricorda più di te?

la torre del tempo

E’ quello che succede al protagonista di La torre del tempo, Kirill Maskimov. in pochi si ricordano ancora di lui e man mano che passa il tempo anche queste persone iniziano a dimenticarlo, persino i suoi genitori.

Ma chi c’è dietro a tutto questo? E chi è la donna che gli ha rubato l’appartamento? Kirill inizia a seguire delle indicazioni misteriose che lo portano a una vecchia torre dell’acqua che si modifica durante la notte. E’ possibile che al mattino si apra una finestra su un altro mondo?

Fa parte dello stile di Luk’janenko lasciare cose in sospeso per mantenere l’alone di mistero su quello che sta succedendo, ma per apprezzare meglio questo autore consiglio di leggere I guardiani della notte, primo libro di una serie, ma leggibilissimo anche da solo.

Rispetto alla saga dei Guardiani della notte questo libro l’ho trovato un po’ più difficile da seguire, certi punti mi rimangono un po’ oscuri, forse nel seguito (non tradotto in italiano) si capisce meglio il filo. Come detto sopra consiglio di approcciare l’autore con altre letture prima di La torre del tempo, che rimane comunque un buon fantasy con aggiunta di un po’ di mistero.

Quello che mi piace di Luk’janenko è proprio l’aver creato un mondo fantasy che non è il classico fantasy già visto in molti altri autori (diciamocelo, alla quinta saga con ragazzini che trovano qualche oggetto magico da portare da qualche parte ci si stanca un pochino).

  • Editore: Mondadori, 2010
  • Titolo originale: Чистови́к
  • Prima pubblicazione: 2005
  • Pagine: 443
  • ISBN: 9788804603559

Rimarrò in attesa della pubblicazione del secondo libro della serie in italiano, oppure andrò in cerca della traduzione inglese per sapere come va a finire.

/ 5
Grazie per aver votato!
Loading spinner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.